Coppia in crisi: che cosa puoi fare quando sorgono difficoltà che sembrano insormontabili

Incomprensione fra i partner della coppia

Per affrontare con successo una crisi di coppia occorre disporre di un approccio adeguato.

Ci sono diverse soluzioni, alcune delle quali anche noi abbiamo sperimentato. Per facilitarti nell’orientamento te le elenchiamo:  

P1uoi adottare il self-help, cioè il metodo di auto-aiuto che abbiamo rielaborato e chiamato ‘Essere Coppia: l’arte di stare insieme con saggezza’; si modella ai tempi della coppia e si può praticare in autonomia. Infatti è il primo sistema multimediale che aiuta ad affrontare insieme i momenti difficili.  Si avvale delle nostre esperienze maturate in vari ambienti: comunità,  lavoro e insieme a coppie sposate o conviventi. Ha l’obiettivo di aiutare queste ultime ad attraversare i momenti di incomprensione che immancabilmente si presentano nella vita a due. Utilizza nuove tecnologie di comunicazione ed è facilmente fruibile.

Clicca QUI  per approfondire.

Il metodo consente alle coppie che lo adottano e praticano, di avere uno strumento concreto per sciogliere  tensioni, di collera o di perdita di fiducia nel partner. Permette di tornare alla fiducia e all’armonia momentaneamente perdute:

okVerde esercitando un atteggiamento attivo e costruttivo con il partner facendo leva sul proprio senso di responsabilità,

okVerde esprimendo emozioni e pensieri in un contesto in cui l’ascolto viene garantito dal metodo,

okVerde concedendosi un tempo nel quale si è stimolati al dialogo collaborativo che conduce al rispetto, alla comprensione di sè e dell’altro e  all’amore.

Salva

omaggio-gratuito

2 Puoi rivolgerti all’associazione ‘Incontro Matrimoniale’ che riunisce gruppi di coppie in un lavoro associativo di esperienza ultra decennale. C’è un’ampia offerta di proposte che vanno dalle coppie giovani in formazione, a quelle sposate, a quelle in crisi che stanno pensando di separarsi: http://www.incontromatrimoniale.org/

3Puoi farti aiutare da una persona esterna. Spesso si comincia da un’amica, da un amico o da un parente di cui si ha stima e fiducia. Se si hanno amici o famigliari disponibili ad ascoltare e capire la situazione che si è venuta a creare ci si può sfogare. Esprimere i propri sentimenti al riguardo è un primo passo utile. Spesso emergono i propri bisogni e questi conducono a formulare richieste adeguate alla situazione che si è creata. Il vantaggio in questo caso è che non costa nulla e si ottiene un supporto da persone con le quali c’è già un rapporto di fiducia.

4 Oppure puoi rivolgerti ad un professionista. Questa scelta a volte parte da precedenti tentativi andati a vuoto e da un sentimento di impotenza. Si riconosce la difficoltà a procedere autonomamente e si chiede l’aiuto di un consulente. Proprio come quando ci si rivolge ad un medico quando si ha un problema di salute. Si utilizza l’aiuto esterno per affrontare difficoltà vissute come momentaneamente insormontabili.

L’offerta di psicologi e counselor per affrontare le crisi della coppia è oggi molto ampia. Esistono diversi approcci: dall’intervento mirato alla difficoltà contingente, alle terapie che affrontano i motivi profondi del proprio disagio esistenziale. Alcuni studi utilizzano anche la terapia a distanza, utilizzando skype o altri modi per comunicare su internet.

Qualunque sia la scelta che fai, se vuoi risolvere i problemi col partner – generati dalla difficoltà di dialogo – tieni a mente che la soluzione migliore è cercare di vivere l’incomprensione nella coppia come opportunità di crescita personale per entrambi.

omaggio-gratuito

© 2017 Essere Coppia – Flavio Ponsetti


 

icona-facebook